L'angolo della cultura

In questa nuova pagina sono riportati, senza alcuna responsabilità, gli scritti ( poesie, racconti, saggi, articoli, fiabe, ecc. ) che i soci ed i simpatizzanti vorranno far pervenire all'Associazione, anche per posta elettronica, o che la Stessa ritiene, a suo insindacabile giudizio, meritevoli di essere pubblicati sul proprio sito ufficiale.


Si riporta una poesia postuma e mai pubblicata di Salvatore Sergio scritta dallo stesso il 26 luglio 1992 che è stata ritrovata nel mese di agosto 2011 fra le pagine di uno dei libri che la moglie, Signora Gemma, ha voluto donare alla Associazione. La stessa, portata a conoscenza del ritrovamento, ha acconsentito che la poesia fosse pubblicata su questa pagina del sito.

' Versu a IV^ sagra dell'uva '

Oh! Stannu c'è a festa,
da sagra dell'uva,
sugnu cuntentu
e mi mettu in gazzuna.
Quattru cavaleri,
comu ficiru aeri,
dicennu quasi nenti, 
si pigghiaru ' a tangenti '
firriannu a siritedda,
( 'na cosa troppu bedda )
in casa ci semu tutti,
e nuddu si nni futti!
Parlatedda ' giuliva ',
nuddu fa negativa!
A festa è sulu nostra
e a fari bedda ' mostra '
un pò tutti ci tenemu.
Pagamu ....... e riremu.

 


 

Riceviamo e pubblichiamo una poesia del socio Giovanni Bondì.
( Inserita domenica 10 ottobre 2011 )

' U' disoccupato '

Pi curpa di a crisi nun mi pozzu maritari,
la me zita mi dissi: ' ca mi voli
puru lassari ' dici ca accussì nun
putemu cuntinuari.

Ntà Sicilia semu assai chiddri ca nun
si putemu maritari, tantu
ca si nun fussi pi li politicanti e
pi li mbiati statali fussiru crisi
anchi li scoli elementari.

Sicilia beddra ma disoccupata,
di li politicanti mattrattata,
di u guvernu doppu ogni elezioni
scurdata, di li ricchi sfruttata e
di la cultura sempri e sulu
annintuata.

Sicilia beddra, Sicilia malata
a miricina nuddru la ancora truvata,
eppuru tanti furunu li rignanti
e li onorevoli presidenti chi l'hannu circata,
e anchi si nà lu passatu comu 'ntà
lu prisenti n'avissuru t'anticchia
attruvata pi li so amici e parenti
avissi sulu bastata.



Riceviamo per e-mail e pubblichiamo, in base ad esplicita richiesta, sotto lo pseudonimo di
' Simplicius '. ( Inserita mercoledì 12 ottobre 2011 )

' La sera '

Quando il sole tramonta
di rosso il cielo s'innonda,
mentre la sera pian piano discende
nella città di rumori fremente.

Man mano che la sera va scendendo
tutte le luci si vanno accendendo
e in ogni casa la lieta figliolanza s'attorna
vicino al padre che dal lavoro ritorna.

In cielo intanto appare una stella
seguita subito da un'altra più bella
e così, ad una ad una spuntando,
tutto il cielo di stelle si va popolando.

Nel cielo pian piano un chiarore s'effonde:
sorge la luna da dietro il monte
e la città dalla sua luce rischiarata
sembra che sia dal sole illuminata.

Pian piano il traffico va sminuendo
mentre le insegne si vanno spegnendo
e le strade poco prima affollate
sembrano ora deserte ed abbandonate.


' Amico '

Amico!
Dolce parola
intessuta d'amore
che parlando al cuore
sa felicità donar.

Quando nell'alma
dal dubbio angosciata
scoppiata è la tempesta,
chi più di lui
aiutarci potrà

a ritrovar
la felicità perduta,
a ritrovar
la pura e schietta gioia
della fremente gioventù?

Chi come lui
comprender potrà
le nostre gioie,
i nostri affanni,
le nostre illusioni?

A chi se non a lui
aprir potremo
il nostro cuore,
e l'amor confidare
e le speranze?

Amico!
Parola irreale
da tutti pronunziata
ma sol di pochi
dolce virtù.



L'opuscolo ' Omaggio a Franco Di Marco ( Custonaci - 6 giugno 1936 ; Erice -  23 agosto 2003 ) ', ideato e curato dal Dott. Giuseppe Di Marco e da Vito Tresca, realizzato dall'Amministrazione Comunale di Custonaci e distribuito gratuitamente, nel corso della rassegna      ' Quinte in piazza ' svoltasi dal 4 al 10 settembre 2011 ha la finalità di ricordare il Franco Di Marco scrittore e narratore degli eventi e delle situazioni che giornalmente si verificano.
Tale pubblicazione è stata con piacere ricevuta anche dai soci dell'Associazione per la Tutela delle Tradizioni Popolari del Trapanese.

L'opuscolo contiene:
- una breve biografia;
- la novella ' Lucio e l'acqua ' pubblicata sulla ' Domenica del Corriere ' n. 48 del 2 dicebre 1969 e con la quale il Dott. Franco Di Marco vinse il premio letterario nazionale ' Il medico scrittore ' indetto dallo stesso giornale;
- il racconto ' Un mare d'oro ' in Antigruppo 73, vol. I, Di Maria Editore con il quale vinse consecutivamente nel 1970 e per la seconda volta il premio letterario ' Il medico scrittore ';
- il racconto ' Peppi ' tratto da ' Lu codici di la santa necessità ' ( antologia di 28 racconti ricavati  dalla narrazione di Berto Giambalvo, raccolti e curati da Franco Di Marco) - ( Libera Università di Trapani 1990 - UMTE e ATTPT 2010 )
- una bibliografia essenziale dei suoi scriti contenuti in varie pubblicazioni.

Con questo inserto sul proprio sito anche l'Associazione per la Tutela delle Tradizioni Popolari del Trapanese lo intende ricordare anche come socio che con molto interesse ha partecipato alle sue attività culturali.

( Inserito lunedì 17 ottobre 2011 )

 



Riceviamo e pubblichiamo una poesia del socio Giovanni Bondì
( Inserita sabato 26 novembre 2011 )

' Il mio segreto '


Bacio l'aria,

che ti avvolge,
parlo al vento
perchè ti porti
le mie parole,
se ti amo
non lo dico.....
pensarti,
sognarti,
immaginarti mia
e sentire il cuore mio
battere più forte.....
magici momenti,
grandi emozioni
che durano il tempo
di un segreto.....

 


Riceviamo e pubblichiamo una poesia del socio Giovanni Bondì
( Inserita domenica 22 aprile 2012 )

'' 'a scampagnata  ''

A jurnata tanta beddra nun paria
ma quannu vittimu a tavila cunzata
cu alivi scacciati, tumazzu picurinu,
capunata, frittata di caccocciuli,
ficatezzru d'agneddru fittu ca cipuddra
e pumaroru ntà l'ogghiu siccatu
nni parsi comu si u suli avissi spuntatu!

Mentri attunniati a u tavulu ncuminciammu
tutti a mangiari, ntà na cammara attuccari
c'era u picuraru chi nnì priparava a tumma,
a quagghiata e a ricotta chi ni fici poi mangiari!

Mangiammu tutti a volontà facennu bis
e anchi tris, e cu un brindisi, na barzilletta
e na risata si iu avanti tutta a matinata!

La jurnata però si completau fora,
sutta a pinnata c'era Bondì
chi faciva focu e ogni tantu pi curpa di
lu ventu chi rufuliava faciva puru qualchi
fumazzata, a sasizza choi Bondì arrustiva
era azzenti e caura e nnì ficimu
tutti na ran mangiata ca ancora pensu
a sta beddra scampagnata! 


Nel periodo della tonnara e della tradizionale pesca del tonno di cui a Trapani si stanno perdendo definitivamente le tradizioni, si riporta una poesia di Tore Mazzeo in dialetto tratta dal volume
'' Poesie Trapanesi '' - Baddharonzuli 2 - pubblicato nel mese di novembre 2006 in cui viene descritta poeticamente e drammaticamente la fase finale e tragica dell'evento.
( inserita martedì 8 maggio 2012 )

'' Aciriu Bonagia ''

Nmezzu 'u mari ncrispatu
risaccanu, misi a quadratu,
varcuna niuri mpiciati
carrichi r'omini surati
chi carni abbruciati
cu l'occhi ncrustati
ri sali siccu ri suli.
Nno' mezzu ra bastarda
rintra 'na varca nica
'u raisi arrinucchiuni
ca testa 'a puzzuni
talìa rintra u specchiu
'u funnu limpiu
e i tunni chi firrianu spersi
natannu all'angiuliddhra
dinthra 'a cammara da morti.
Ddhrocu sunnu carciarati
e cunnannati all'amara sorti.
Ma fannu ancora l'amuri
e, spiranzati,
cercano cunsolu.
Capuzziannu, s'alliscianu,
si stricano chi panzi
e comu s'abballassiru
si talianu nda l'occhi manzi
p'appattari i pusituri
di l'attu d'amuri.
L'ova sghiccianu russigni
e 'u lattumi li nsiringa
e 'u mari si tingi
di nuvuliddhri biancuci.
Sunnu avviluti e stanchi
ma sghiccianu e nsiringanu
'nsinu a quannu
'u cuppu di la rizza nfami
l'ammagghia e l'assumma.
'' Assumma, assumma ''
iranu i servaggi
sculannu vavi e surura.
'Nmezzu i magghi du cuppu
l'armaluzzi,
cercanu l'acqua du mari
ma s'attrovanu ndall'aria
e si 'mmestinu,
e si sbattinu,
vucchianu,
e stramazzanu.
S'appagnanu
e i curi si torcinu
e i pinni svulazzanu,
e l'argiarini sicchi
sculanu scuma e sangazzu.
L'omini di li varcuna
chi manu nsangati,
runanu curcatuna d'arraggiati.
E cantanu, bistimìanu,
ririnu scaccariannu, vucianu:
'' ncoccia, affèrra, tira,
aisa....moddhralu ''.
E 'i varcuna s'annacanu.
E si ìnghinu di morti e firuti,
scannati e ammunziddhati,
chi dunanul'ultimi succannati.
L'omu trarimintusu vinciu.
'U tunnu muriu.
I varcuna niuri
si mettinu nfilera
e si nni vannu lenti lenti....
com'un trasportu funebri
senza ciuri nè cira.

Luntanu i terrazzani
virennu 'a bannera gridanu:
'' Viva Gesù, Giuseppe e Maria.... ''
Aciriu Bonagia!

Un tunnaroto
scausu, nsangatu,
tuttu vagnatu,
avanza scattusu
cu 'na ciura
nmezzu i renti.
Talìa i tunni nterra,
virennu 'u cchiù rrossu,
cci metti 'u ciuri nvucca:
è 'u tunnu ra ghiotta.


Dalla raccolta '' Frammenti d'amori '' di Giovanni Bondì, si riporta, con il permesso dell'autore, la
poesia :

'' A stiddra di natali ''
 
Quannu s’avvicina u Natali
a tutti piaci na stiddra rialari
                                                       picchì pari chi na stiddra a Natali                                       
porta sempri d’amuri un signali.
 
Amuri dintra li casi,      
                    amuri ‘nta li strati                             
cu li vitrini tutti addubbati,
                   amuri dintra li famigghi vicini e luntani                    
c’aspettanu  stu jornu pi s’incuntrari.   
                   
Natali è sempri Natali
e quannu arriva c’è sempri
n’aria di festa particulari
ca si sparpagghia tra la genti
pi tuttu lu tempo chi dura
sta festa mundiali. 
 
E quannu aisamu a testa
pi guardari a stiddra di natali,
ca brilla ‘nta lu celu,
capita ca ni mittemu tutti a pinsari.
 
Pinsari però pò fari mali
quannu  c’è genti ca mori di fami,
pinsari po’ fari rabbia
quannu u putenti fa ca forza
chiddru ca nuddru putissi fari.
Pinsari n’ammazza rintra  
quannu sintemu fimmini viulintari
e picciriddri na munnizza jttari. 
               
Pinsari! Pinsari!
Pinsari di priari u Signuri
è na cosa ca tutti avissimu a fari
si vulemu spirari ca un jornu
stu munnu si putissi aggiustari.
 

Inserita il 21 dicembre 2012


 Si riporta una vecchia poesia di Filippo Maiorana, riportata sul manifesto dell'incontro di sabato 11 dicembre 1982 sul tema
'' Mulini: un simbolo, un impegno ''

Mulinu vecchiu

Cu' li filinii ti facisti 'a varva
t'arridducisti asilu pi li corva
di tanta vera e antica nobilitati
n'arrestano du' mura sdirrupati.

Tra la biancura di li to' salini
tra canti di salina e marinara
la to' funzioni fu preziusa e rara
di Trapani tu fusti la bannera.

'Ntra li me carti c'è 'na cartulina
ci si pittatu tu 'mezzu a salina
pari u' ritrattu anticchia sculurutu
comu lu nomi to' quasi scurdatu.

Ora, vutannu l'occhi a lu passatu
pensu chi l'omu è veramente 'ngratu
tu lu sirvisti e lu facisti letu
ma pi ricumpensu ti mittiu di latu.

Inserita domenica 10 marzo 2013.



Dal volume '' A fauci n'mezzu u' mari '' ( La falce in mezzo al mare ) di Onofrio Giovenco si riporta una poesia, dallo stesso titolo, dedicata dallo stesso alla sua città.

A fauci n'mezzu u' mari


Na 'sta Fauci n'mezzu u' Mari
ci stà tuttu lu pinsari
ri viddrani e salinari,
piscatura e marinari, 
chi li sciarri o lu diverbiu
risulvian c'un proverbiu
ri l'antichi tramannatu
a memoria ru passatu
e formatu n'certi frasi
chi ra vita sunnu a basi.

Inserita domenica 6 luglio 2014.


Dalla silloge '' Candida scorre la luce '' di Onofrio Giovenco, si riporta la composizione che apre la raccolta

Drepanum ( Trapani: la Falce )

A piè della boscosa Vetta
sacra ad Afrodite,
Drepanum al par d'una saetta.
Con alte mura e dalle vie turrite
fende i due mar della Trinacria Bella,
porto sicuro ai venti e alla procella.
Biondeggian i suoi campi di messi dorate,
i suoi colli verdeggian di vigne e d'uliveti,
fioriscono ad April gli immensi prati,
brillano al sol l'ampie vasche salate.
E poi - di fronte - là sul mar turchese
- quasi il suo capo a incoronare -
sorgono tre perle che Nettun le rese:
l'Egadi ricche di cave e di tonnare.
Infin da quando dalle Iliache sponde
qui giunse Enea sospinto dalle onde,
un gran tumulto di traffici e di genti
( da tutti i noti lidi provenienti )
affolla le sue piazze e le sue vie,
con sè recando sale coralli ed altre mercanzie.
Quasi che, dall'alta Rupe, la Dea col suo sorriso
volle far di questa terra un Paradiso.


Inserita domenica 18 gennaio 2015


In occasione del Carnevale si inserisce una poesia di Vincenzo Adamo in tema con la ricorrenza

Cannalivari

Quantu mascari ci su' pi la via
Quantu foddi cu cutri e cu linzola
Quantu pannedda chi si smantulia
pallottuli chi su' ciucia chi vola.
La virità d'un munnu chi farsia
Lu mascaratu ammuccia e si cunsola
cu autri mascari si stà 'n cumpagnia
pastiannu diavuluna e mustazzola.
Li picciriddi jocanu cuntenti
tirano puru li stiddi filanti
'u nannu e 'a nanna 'n mezzu a tanta genti
sunnu sulu du' vecchi stavacanti
fatti di pagghia sunnu pupi e nenti
assumigghianu e' nostri guvirnanti.

Inserita domenica 15 febbraio 2015


Albero

 Da te un ombra si scioglie
che par morta la mia
se pure al moto oscilla
o rompe fresca acqua azzurrina
in riva all’Anapo, a cui torno stasera
che mi spinse marzo lunare
già d’erbe ricco e d’ali.

Non solo ombra vivo,
chè terra e sole e dolce dono d’acqua
t’ha fatto nuova ogni fronda,
mentr’io mi piego e secco
e sul mio viso tocco la tua scorza.

Uomo del mio tempo

Sei ancora quello della pietra e della fionda,
uomo del mio tempo. Eri nella carlinga,
con le ali maligne, le meridiane di morte,
t'ho visto – dentro il carro di fuoco, alle forche,
alle ruote di tortura. T'ho visto: eri tu,
con la tua scienza esatta persuasa allo sterminio,
senza amore, senza Cristo. Hai ucciso ancora,
come sempre, come uccisero i padri, come uccisero
gli animali che ti videro per la prima volta.
E questo sangue odora come nel giorno
Quando il fratello disse all'altro fratello:
«Andiamo ai campi». E quell'eco fredda, tenace,
è giunta fino a te, dentro la tua giornata.
Dimenticate, o figli, le nuvole di sangue
Salite dalla terra, dimenticate i padri:
le loro tombe affondano nella cenere,
gli uccelli neri, il vento, coprono il loro cuore.


Inserite domenica 27 novembre 2016


Switch to Day Switch to Night